Narciso e Boccadoro

Narciso e Boccadoro

02/03/2011 Consigli di lettura 1

Narciso e Boccadoro è un fantastico libro, denso e ricco di spunti. Un’amicizia profonda, un viaggio che cambia la vita e mostra diversi punti di vista. Proprio ciò che vuole fare la Biblioterapia. C’è da dire che non è un libro facile. Hermann Hesse è un grande autore, il suo famoso Siddharta risulta più breve e più chiaro rispetto a questo. Eppure s’incontrano bellissime parti su cui discutere. Lo sconsiglio decisamente a lettori poco esperti e facilmente annoiabili. Narciso e Boccadoro è un libro che va conquistato, un romanzo di formazione che alla fine lascia davvero molto. Vi offro un brano interessante del libro, dove Boccadoro, eterno insoddisfatto, trova un senso nella sua vita scoprendo l’amore per l’arte.
Dal momento in cui aveva ammirato la dolce e santa figura di legno, Boccadoro possedeva quello che non aveva posseduto mai, che tante volte aveva deriso negli altri, oppure invidiato: una mèta! Aveva una mèta e forse l’avrebbe raggiunta, e allora forse tutta la sua vita dissoluta avrebbe acquistato un alto significato e un valore.

Hemann Hesse, Narciso e Boccadoro, Milano, Mondadori, 2009, p. 134

Una risposta.

  1. uniroma.tv ha detto:

    Al seguente link potrete vedere la presentazione del libro "Non se ne può più. Il libro dei tormentoni" del noto enigmista e saggista Stefano Bartezzaghi http://www.uniroma.tv/?id_video=18302

    Ufficio Stampa uniroma.tv
    info@uniroma.tv
    http://www.uniroma.tv

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi