Ogni esistenza vive, un giorno, quel trauma primordiale che divide la sua vita in un prima e in un dopo e il cui ricordo anche furtivo basta a creare un terrore irrazione, inumano e inguaribile.

Amélie Nothomb, Stupore e tremori, Milano, Guanda Editore, 2006, p.94.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *