Tempo al tempo

Tempo al tempo

09/11/2013 Uncategorized 6


Ha colpito ancora. Chi? Semplice: Fabio Volo. Con il suo ultimo libro dal titolo “La strada verso casa” nel giro di una settimana è già in vetta alle classifiche dei più venduti. Non è la prima volta che scrivo di lui. Non trovo misterioso che piaccia così tanto. Mi è stato spiegato da alcuni suoi appassionati lettori che il segreto sta nella semplicità della scrittura e nella facile immedesimazione nei personaggi, sempre contemporanei e vicini allo status della maggiorante degli italiani, con problemi quotidiani ed emotivi coincidenti. Quindi? Non capisco perché non riesco almeno a iniziare uno dei suoi libri. E non è una questione di snobbismo o altro. Da biblioterapista, se un libro permette una più facile immedesimazione, potrebbe rivelarsi uno strumento utile nei laboratori, quindi la motivazione ce l’ho. È che non riesco a far scoccare la scintilla. Per cominciare la lettura di un libro ho bisogno di esserne sedotto ancor prima di averlo aperto le pagine. Non so spiegare quali siano i meccanismi che lo permettono, ma è così, e non sono in grado di controllare la cosa. Tempo al tempo quindi: prima o poi riuscirò nell’intento. O no?

6 risposte

  1. Anonimo ha detto:

    Puoi vivere benissimo anche senza leggere un libro di Volo Marco… quanti altri fantastici libri ci sono al mondo! E chi meglio di te sa scegliere e ben consigliare?! Poi sai anche tu che il discorso è soggettivo, ognuno ha le proprie preferenze… io per es non ho mai letto un libro di Faletti ma non ne sento neanche il bisogno. Ho provato con Camilleri ma non è andata come pensavo.. succede.
    Di Volo ne ho letti 2, il primo mi pare e un altro di cui non ricordo il titolo. Buone idee ma poco altro… Facci sapere! 🙂

  2. Anonimo ha detto:

    P.S: la mia nuova mini libreria ha ancora posto libero… dammi tu invece qualche buon suggerimento!
    Martina

  3. Connie Renieri ha detto:

    ….il tempo è prezioso e poco…Quanti libri da leggere,prima di questo…!!

  4. Alessandro ha detto:

    Suggerisco alle signore (ma non solo) l'ultimo di Marcela Serrano.
    La Serrano va sempre letta.

  5. Anonimo ha detto:

    Molto bello, tante storie diverse ma con un comune denominatore; la solitudine di donne che hanno amato e sofferto ma che "vivono" nonostante tutto. Purtroppo l'unico della Serrano che ho letto, rimedierò.. Martina

  6. Marco Dalla Valle ha detto:

    Grazie per il non solo, adoro la Serrano, ma quest'ultima uscita mi era sfuggita 🙁

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi