O capitano! Mio capitano!

O capitano! Mio capitano!

13/08/2014 Uncategorized 0

In queste ore ognuno commemora a modo proprio Robin Williams. Il mio personale ricordo va all’amato professore de “L’attimo fuggente” da lui magistralmente interpretato, un esempio di come utilizzare la letteratura in modo da far crescere le menti e i cuori. E’ lì che per la prima volta ho sentito parlare di Walt Whitman (correva l’anno 1989). Anni dopo non avrei dimenticato quel “O capitano! Mio capitano!” e sarebbe diventato la prima tappa nella conoscenza del grande poeta. Quel verso famoso fa parte di una poesia dedicata alla morte di Abramo Lincoln, un omaggio nella tristezza a un grande uomo. Volete omaggiare questo grande attore che la tristezza si è portato via? Sfogliate a caso “Foglie d’erba” di Walt Withman e leggete le poesie che il fato vi offre: sarà come una preghiera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi