Curare la dislessia con i “cani da lettura”

Curare la dislessia con i “cani da lettura”

25/08/2015 Uncategorized 1

Si chiamano cani da lettura e aiutano i bambini dislessici a superare la loro difficoltà nel leggere. L’idea viene dagli Stati Uniti, ma sono già diversi gli Stati ad aver copiato l’iniziativa. In Italia la tecnica è rappresentata da R.E.A.D. ITALIA il cui sito potete raggiungere da qui. Si tratta di addestrare cani particolarmente tranquilli per stare vicino ai bambini mentre si dedicano alla lettura. Ma badate bene: non si tratta di un gioco. Il bambino dislessico fatica molto a leggere, soprattutto se qualcuno lo ascolta. Il cane da lettura però si presta come ascoltatore paziente, che sa stare accanto al giovane lettore a lungo, senza stancarsi, senza prenderlo in giro, incoraggiandolo sinceramente con le proprie coccole, prestandosi a un gioco affettuoso terminato il brano. In Italia siamo agli albori, ma è dal 1999 che esiste questa tecnica e l’efficacia è stata riconosciuta e certificata tanto che alcune scuole si sono strutturate per inserire la presenza dei cani da lettura nei propri P.O.F.

Troppo pensare a un’iniziativa simile da noi? Credo che gli ostacoli da noi siano ancora molti se consideriamo che alcuni insegnanti faticano ad accettare i programmi speciali e gli ausili previsti per legge. Intanto, alcune biblioteche hanno iniziato ad accogliere le visite di questi cani. E io sono convinto che questo sia solo l’inizio.

Una risposta.

  1. Monica ha detto:

    Insomma…meglio i cani professori, che i professori cani?! 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi