La sognatrice di Ostenda

La sognatrice di Ostenda

30/01/2016 Uncategorized 0

Credo di non aver mai incontrato qualcuno più diverso dal proprio aspetto di Emma Van A. 
A prima vista dava l’impressione di una persona fragile, schiva, insignificante, taciturna, di una banalità destinata al dimenticatoio. Poi ho conosciuto la sua realtà, e sono rimasto irretito nelle seducenti trame di una vita intrigante, imperiosa, brillante, paradossale e inesauribile: da allora il pensiero di quella donna non mi ha più abbandonato. 
Certe donne sono trappole in cui si cade e da cui non si ha più voglia di uscire, come quella in cui Emma Van A. mi tiene avvinto.

Tratto da La sognatrice di Ostenda di Eric Emmanuel Schmitt

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi