Una stanza tutta per sé

Una stanza tutta per sé

28/06/2017 cos'è la Biblioterapia 0
17/03/2012
Virginia Woolf lo insegnò alle donne. Io lo propongo a tutti i lettori: una stanza tutta per sé, un luogo dove vivere intensamente i propri momenti di lettura. Quella nella foto non è la mia stanza, è quella che sogno (l’amaca proviene dal mio passato di lettore di Topolino, ed estimatore di Paperino). Eppure quando teniamo tra le braccia un libro e lasciamo che ci coinvolga, non c’è luogo che non si trasformi. E’ la magia della lettura. E la capacità di trasformare il mondo intorno a noi crea un cambiamento anche dentro di noi. Dopo un libro nessuno è più la stessa persona. Può essere letto in solitudine, condiviso, discusso: in ogni caso una trasformazione avviene. Mi danno l’anima a studiare la bibliografia che dimostri ciò, ma alla fine l’essenza della Biblioterapia e del potere della letteratura sta in questa metamorfosi del lettore. Sicuramente un libro può essere letto ovunque. Certo che leggere in una stanza così…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi