Dove c’è un libro c’è speranza

Dove c’è un libro c’è speranza

20/09/2018 Uncategorized 0

Tra poco terrò una lezione speciale. Il Circolo dei Lettori di Verona continua con il reclutamento e la formazione di Lettori volontari da inserire nell’ospedale di Borgo Trento. Mi è stato chiesto di occuparmi della lezione che riguarda il comportamento corretto in ambiente ospedaliero, la scelta dei testi e la relazione con il paziente. In realtà nulla di nuovo. Anche se non mi occupo più in prima persona dell’attività dei volontari in ospedale, la sinergia con il Circolo dei Lettori è sempre stata ottima e mi sembra un po’ di tornare a casa. Ma c’è qualcosa di diverso: io sto dirigendo le mie attività verso direzioni nuove, il Circolo dei Lettori si sta rinnovando e il gruppo che incontrerò è di persone mai conosciute. Sento un’aria di rinnovamento, di “si va avanti”. E’ una bella sensazione perché siamo tutti così preoccupati dei cambiamenti che è raro riuscire a viverli come forma di miglioramento. In un mondo che appare al tracollo, dove le relazioni umane sembrano essere sparite dietro pc e smarphone e la cultura viene trascurata dai più, continuano ad esserci persone che gratuitamente scelgono di leggere ai malati in ospedale e altre che si propongono di organizzarle e favorirle per lavorare al meglio. Sembra una realtà destinata a svanire. E, invece, anno dopo anno continua questo piccolo miracolo. Laddove le persone non hanno più la possibilità di proseguire nel loro contributo virtuoso ne arrivano altre a sostituirle. Le idee già applicate vengono implementate da altre fresche che indicano nuove mete. E’ ovvio che io attribuisca il tutto alla presenza dei libri in questo genere di progetti. Ma la verità forse è un’altra: l’umanità non è davvero tutta marcia. Forse manca solo la fiducia affinché emerga la parte migliore. E se anche volessimo essere negativi ad ogni costo, ogni singola persona che s’impegna in questo modo non può che essere vista come un segno di speranza. Tra poco prendo i miei libri e vado a tenere questa lezione con uno spirito positivo. Che è l’unico davvero giusto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi