Graphic Medicine: cos’è e a cosa serve

Sempre più forte è l’esigenza di nuovi strumenti per sviluppare una comunicazione efficace in medicina. Siamo alla continua ricerca di modi efficaci per parlare ai pazienti, ma anche di individuare tecniche formative che insegnino ai professionisti sanitari a guardare alle emozioni e alle capacità relazionali delle persone che hanno in cura. La Graphic Medicine è una tecnica che viene annoverata sia nella Biblioterapia sia nella Medicina Narrativa. E’ un nuovo membro di una famiglia di tecniche che si sta allargando sempre più con l’obiettivo di imporsi (impresa non certo semplice) nel difficile e asettico mondo della sanità. Proprio perché è così arduo trasferirlo nella realtà vale la pena conoscere meglio la sua storia e le sue potenzialità.

COS’E’: Per Graphic Medicine si intende l’uso di graphic novel, fumetti e narrazioni visive nell’educazione medica, nella cura del paziente e in altre applicazioni relative all’assistenza socio-sanitaria.

STORIA: Il termine è stato coniato da Ian Williams nel 2007 quando fondò il sito www.graphicmedicine.org. Williams è un medico, ma con una preparazione aggiuntiva di tipo umanistico e artistico. E’ stato proprio durante questa formazione che ha formulato le sue teorie.
Nel 2010 questo concetto è stato approfondito e condiviso con la comunità scientifica nell’articolo comparso sulla rivista medica British Medical Journal dal titolo Graphic Medicine: use of comics in medical education and patient care.
Nel 2015 la  Penn State University Press ha pubblicato il The Graphic Medicine Manifesto alla redazione del quale Ian Williams ha partecipato e dove si gettano basi sostanziose per le prospettive future della disciplina.

PROSPETTIVE: La Graphic Medicine contiene le proprie potenzialità nell’immediatezza delle immagini, nella loro chiarezza e nella brevità con cui una storia per immagini può essere letta. Con poche tavole non solo è possibile consegnare messaggi di educazione sanitaria estremamente efficaci ai pazienti, ma è possibile trasmettere la loro condizione emotiva e le loro difficoltà ai curanti, utilizzando le emozioni prodotte dalla narrazione anziché da un trattato di psicologia, che spesso risulta solamente nozionistico.
In Italia è pressoché sconosciuta come disciplina, ma ci sono pochi isolati centri medici che hanno sviluppato alcuni tentativi che seguono lo stesso approccio.
Ogni anno il gruppo di Graphicmedicine.org organizza una conferenza internazionale. Nel 2019 avrà luogo l’11-13 luglio a Brighton (qui per maggiori informazioni). Sarà la decima conferenza che viene tenuta.

 

Un pensiero su “Graphic Medicine: cos’è e a cosa serve

  1. Christine

    Grazie per questo articolo molto interessante.

    E bello che la graphic medicine funzioni in tutti due i sensi: far capire e farsi capire.

    Questo uso della graphic novel in medicina e in biblioterapia è effettivamente una chiave per raggiungere persone con difficoltà a intendere concetti scritti troppo elaborati o ad esprimersi oralmente o ancora per iscritto per un motivo o un altro.
    In certi momenti della vita è molto difficile esprimersi. Le parole non hanno più senso. Un disegno può sostituirsi a queste parole e riempire il vuoto lasciato dalla sofferenza o della difficoltà e aprire una strada.
    La graphic novel viene ad aggiungersi al creative writing di cui parlava il paper di Judith Béres già parso sul sito, anzi i due metodi si completano a vicenda credo.
    La graphic novel mi fa pensare molto agli adolescenti, immagino che sia uno strumento che piacerà molto a loro anche se naturalmente è destinato a tutti, ma questa fascia di età credo si molto sensibile a questo genere di approccio.

    Con una medicina sempre più tecnologica, sempre più attenta al profitto, con ricoveri sempre più brevi, ci si dimentica continuamente del lato umano del lavoro in ospedale, anche nei riparti che sarebbero in teoria più orientati al contatto con il malato. E molto triste.
    Spero che il moltiplicarsi e il diversificarsi di queste tecniche di comprensione e di espressione porteranno i loro frutti e permetteranno un’umanità che manca profondamente.

    Vado di questo passo a visitare il sito di graphicmedicine!

    Grazie per tutte queste informazioni.

    Christine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi