Raccogliamo le storie prima che sia la morte a farlo

Raccogliamo le storie prima che sia la morte a farlo

18/09/2020 Libri e dintorni 1

 

Diciamo pure che questo anno fa un po’ schifo: certamente non sarò io a negarlo.

Oggi sono stato al terzo funerale nel giro di due mesi. Il Covid uccide, ma nel frattempo provvedono anche le cause consuete. La zia che ho salutato questa mattina se n’è andata a 82 anni, età più che degna per lasciare questo mondo. Lo vorrei anch’io per me. Niente piagnistei quindi, ma tanti bei ricordi di una persona che amava la vita e si è impegnata per non sprecarla. So di aver imparato molto da lei. E’ stato un elemento importante della mia famiglia e della sua storia, la primogenita del ramo materno.
Fin da piccolo ho sempre amato ascoltare le storie. Le chiedevo soprattutto a mia nonna (classe 1913). Mi mettevo sotto il tavolo e le chiedevo di ripetermi i racconti che già conoscevo: la vita di quando era giovane, le guerra e le vicissitudini dei suoi figli, tra cui mia madre e sua sorella. Oggi nel mare dei ricordi mi sono reso conto che la maggior parte non li posseggo. Nonostante la mia curiosità e le mie domande, credo di non aver chiesto abbastanza, soprattutto nell’ultimo periodo. Il passaggio del patrimonio delle storie familiari dovrebbe essere più curato da parte di tutti noi. Mi sono accontentato di ciò che già sapevo, dimenticando che il tempo passa e queste persone avrebbero tante cose da dire. E poi, diciamocela tutta: ci sono segreti familiari che cadono in prescrizione solo dopo anni e anni. Inoltre il tempo che passa permette di analizzare fatti che già conosciamo, ma dandogli un’interpretazione diversa e questo ci arricchirebbe enormemente.

Voglio fare un invito a tutti voi: fermatevi con i parenti anziani che pensate siano disponibili e parlate con loro. Fategli domande, siate curiosi, stuzzicate il loro desiderio di rivelare. Ci sono storie che non potranno ripetersi perché i tempi cambiano. Ci sono vicende che potrebbero riempire pagine e pagine di un libro infinito. Vicende che noi poi potremo raccontare ai nostri figli e nipoti. Cos’è l’immortalità se non questo?

Una risposta.

  1. Christine Treille ha detto:

    Buongiorno,

    si, il 2020 fa schifo non c’è che dire. E pensare che 2 è il mio numero preferito. Al primo dell’anno ho pensato, un anno con un nome così sarà fantastico…addio superstizione! Oppure no. Non è finito. Poi forse c’è pure da imparare da tutto questo.
    Quanto alle superstizioni, le credenze, i riti, le stori dei nostri nonni, dei nostri genitori ci ho pensato spesso anch’io. E spesso mi dico: ma se muore non gli ho chiesto questo e neanche questo e mi viene un senso di vertigine. Hai ragione Marco dovremmo tenere molto cari i ricordi del passato. Certi li conosciamo a memoria perché narrati mille volte ma altri no. A causa del Covid è quasi un anno che non vedo fisicamente i miei e un’ansia tremenda mi attenaglia…e se non li vedo più? Credo che chiederò loro di mettere per iscritto certe storie. Loro saranno felici di rivivere momenti salienti, comici, teneri, paurosi, emozionanti e di mandarmeli e perché no farne un piccolo libro da passare di generazioni in generazioni. Ognuno potrebbe aggiungere qualcosa. Alla fine…ma che fine….sarebbe un’altra storia infinita in effetti. Altro che albero genealogico. Hai senza dubbio detto la parola giusta…immortalità. Cos’è l’immortalità senno queste esperienze condivise, queste lezioni apprese che serviranno ancora e ancora, queste vite vissute che aiutano un’altra vita a sbocciare, a non inciampare, a rassicurarsi, a mostrare la via, a sapere che quello che sta vivendo lo ha vissuto pure qualcuno prima di lui e lo ha affrontato così bene da parlarne ora. Una biblioterapia con il libro dei ricordi praticamente!
    Grazie Marco!
    Christine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi