Nel 1954 i produttori di Marilyn Monroe diedero un incarico particolare allo scrittore Ben Hecht: intervistare la diva e scrivere per suo conto un’autobiografia. Se il ricorso a un gosthwriter sembra una truffa, il risultato di questo libro (che copre la prima metà della sua vita) è la possibilità di sentire la voce viva di Marilyn.

TRAMA: è risaputo che la vita di Marilyn Monroe (alias Norma James) è stata difficile e tormentata. In questo libro, scritto in prima persona, si ritrovano aneddoti e vicende raccontate con accalorato trasporto e trasparente ingenuità, senza false ipocrisie o censure. Dalle vicende della madre schizofrenica, agli orfanotrofi, fino ad arrivare al calendario di nudo e ai sacrifici per sfondare, il lettore viene trasportato nel particolare clima dell’America tra gli ultimi anni Venti e i primi anni Cinquanta.

COMMENTI: Ben Hecht ha saputo interpretare davvero bene la voce della diva. La scrittura utilizzata è piana e semplice, ma sempre calda e partecipata, seppure talvolta con distacco. Traspare una visione del passato che a raccontarla deve essere stato per Marilyn non facile. Accostando questo libro con indagini biografiche esterne, è possibile conoscere profondamente la storia di un personaggio che ha da dirci molto più di quell’apparenza svenevole a cui siamo abituati.

ANNO DI PUBBLICAZIONE: 1974

GLI AUTORI:
Marilyn Monroe non ha bisogno di presentazioni. Nata a Los Angeles il 1 giugno 1926, ha vissuto un’infanzia di privazioni economiche e affettive. Divenuta una star, è rimasta una donna fragile, sempre in lotta con i fantasmi del passato. Il 4 agosto del 1963 viene trovata morta nel suo letto. Mentre la versione ufficiale indica il suicidio come causa, ormai è stato accertato da anni che le lacune e le manomissioni sono state tante e tali da rendere verosimile l’ipotesi dell’omicidio.

Ben Hecht: nato a New York il 28 febbraio 1894, è stato uno sceneggiatore, scrittore, giornalista, regista. E’ sempre stato un personaggio irriverente e critico verso Hollywood, nonostante i due premi Oscar per il miglior soggetto. Fra i tanti successi e collaborazioni, va citata quella con Francis Scott Fitzgerald per la sceneggiatura di Via col vento. E’ morto l’8 aprile 1964, meno di un anno dalla morte di Marilyn.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *