Elsa Morante con la collana che porta al collo tra le mani

Oggi, 18 agosto, ricorre l’anniversario della nascita di Elsa Morante nata nel 1912 a Roma. Una Roma ben diversa da quella che conosciamo oggi, ma che per un caso cronologico ha avuto la possibilità di vivere in quella città (e non solo) incontri con i più grandi letterati del Novecento. La scrittura l’affascino fin da piccola e rimase fino alla fine l’unica cosa che, insieme all’amore, dava senso alla sua vita, non sempre facile.
Elsa Morante è stata una scrittrice non prolifica, ma incisiva. Ognuno dei suoi libri ha lasciato il segno indelebile nella letteratura e sembra incredibile che oggi di lei se ne sappia e se ne parli così poco. 

A ovviare a questo problema ha provveduto Anna Folli con un libro molto bello che parla del rapporto di Elsa Morante con Alberto Moravia, che sposò e da cui si separò in seguito. Il libro di cui parlo è MoranteMoravia in cui si descrive non solo la loro storia d’amore e d’intelletto, ma anche le intere loro vite, permettendo la conoscenza della biografia, anche intima, di due giganti della letteratura italiana. Considero questo libro un ottimo punto di partenza per conoscere i due scrittori e ottenere lo stimolo necessario per lanciarsi a capofitto nella lettura dei loro libri.

Perché non basta conoscere le vite degli scrittori per comprenderli. Serve entrare nei loro libri e specchiarvisi. È per questo che propongo per l’autunno un corso di biblioterapia interamente incentrato sui libri di Elsa Morante. Si tratta di esplorare i sui quattro capolavori e discutere del prodotto letterario che Elsa è riuscita produrre per noi, per ognuno di noi. Perché la letteratura non è solo una trama raccontata, ma un viaggio in cui tutti possono trovare una parte di loro stessi.

PER SAPERNE DI PIU’ GUARDA QUI.

LEGGI ANCHE DONNE SCANDALOSE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *