Categoria: I DIRITTI IMPRESCRITTIBILI DEL LETTORE

X – Il diritto di tacere

Lo credereste? Il diritto di tacere è il più difficile da esercitare. Non devo giustificare il fatto di essere un lettore. Non sono obbligato a spiegare ciò che mi ha colpito in un libro. Non sono costretto a convincere nessuno che non desideri amare la lettura. Ho il diritto di entrare tra le pagine di…
Leggi tutto


25/06/2015 0

IX – Il diritto di leggere a voce alta

Leggere a voce alta o lettura ad alta voce? Possono sembrare la stessa cosa, ma non lo sono. Ognuno di noi ha il diritto di leggere a voce alta, possibilmente senza infastidire gli altri. Ma anche senza sentirsi a disagio per il fatto di dedicarsi a un esercizio che per tutti è iniziato alla scuola…
Leggi tutto


17/06/2015 2

VIII – Il diritto di spizzicare

Assaggiate spesso i libri? Potrebbe essere riassunto in questo verbo, più adatto alla gola che alla mente il diritto di spizzicare. Perché anche il cervello ha i suoi gusti e un palato che sa percepire le differenze. Confesso che spesso spizzico in libreria. Il riassunto che trovo nel quarto di copertina non mi basta, sospetto…
Leggi tutto


13/06/2015 0

IV – Il diritto di rileggere

Rileggere un libro è un diritto non sempre facile da comprendere. Vi è mai capitato di qualcuno che affermasse le innumerevoli volte che ha riletto il libro preferito? Credo che non amare la rilettura sia un difetto, che purtroppo mi appartiene. Ho conosciuto un ragazzo che ha letto Il Signore degli anelli di Tolkien oltre…
Leggi tutto


27/05/2015 2

I – Il diritto di non leggere

Perché noi lettori spesso sentiamo spesso il dovere di convincere i non lettori ad apprezzare la lettura? È giusto farlo? Quante volte avete ottenuto l’effetto contrario? È duro ammetterlo, ma alcune volte tendiamo a dare un giudizio di valore verso i non lettori. E quando quei non lettori si ostinano a non entrare tra le…
Leggi tutto


08/05/2015 0

VI – Il diritto al bovarismo

Anche quando si parla di libri, un semplice tweet può scatenare reazioni a catena. Naturalmente sto parlando della risposta che J.K: Rowling ha dato in questi giorni a una fan su twitter che domandava come mai, leggendo i libri di Harry Potter, non trasparisse che Silente era gay (nel 2007 l’autrice l’aveva rivelato tale). La…
Leggi tutto


26/03/2015 0

VII- Il diritto di leggere ovunque

La cattiva reputazione dei lettori, quali saccenti irrispettosi del mondo moderno, li rende invisi a molti. Cosa penserà la gente se ci vede in un angolo del supermercato con il naso infilato in un libro? O dal meccanico, o dal parrucchiere oppure al distributore di carburante? Un tempo mi sentivo in imbarazzo a leggere in…
Leggi tutto


14/03/2015 0

V- Il diritto a leggere qualsiasi cosa

A qualsiasi lettore è capitato di parlare del libro che stava leggendo e di trovarsi di fronte qualcuno che lo guardava, con la faccia disgustata, per la scelta del testo. In quel momento ci si sente imbarazzati, il senso di vergogna si diffonde dalla testa ai piedi senza trovare la forza di ribattere. E spesso…
Leggi tutto


22/02/2015 0

III. Il diritto di non finire un libro

Inizio, con questo post, a riunire in un tag i diritti del lettore scritti da Daniel Pennac, partendo dalle mie esperienze personali. Proprio oggi ho esercitato quel diritto, inviso ai lettori puristi, di non terminare un libro. Mi ero buttato a capofitto in “Il libro segreto di Shakespeare” di John Underwood (pseudonimo dello sceneggiatore Gene…
Leggi tutto


16/02/2015 0

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi